IL SUNDAY TIMES TITOLA: IL GOVERNATORE GAY GIURA DI RADDRIZZARE LA SICILIA - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

IL SUNDAY TIMES TITOLA: IL GOVERNATORE GAY GIURA DI RADDRIZZARE LA SICILIA

IL SUNDAY TIMES TITOLA: IL GOVERNATORE GAY GIURA DI RADDRIZZARE LA SICILIA

Share This

Sul prestigioso The Sunday Times l'intervista firmata John Follain al Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, che abbiamo tradotto per i nostri lettori. 

Come gay ex chierichetto che una volta sognava di diventare un sacerdote, Rosario Crocetta taglia una figura insolita nel mondo maschilista della politica siciliana. Eppure, dopo la sua elezione, lo scorso ottobre, come governatore dell'isola italiana, Crocetta, 62 anni, è emerso come un avversario spietato sia della mafia sia della corruzione nella classe dirigente locale.

Crocetta, fumatore ed ex comunista, è custodito in ogni momento da sei agenti di polizia armati, e passa regolarmente informazioni ai procuratori antimafia come parte della sua crociata contro gli sprechi, l'inefficienza e la criminalità.

"La scelta per me è tra l'essere corrotto e andare in prigione o in lotta per una bella idea, quella di cambiare la società" - Crocetta ha detto nella sua prima intervista a un giornale britannico - "Diciamo che la mia morte è molto più probabile che il mio andare in prigione. Io penso di morire ogni giorno perchè continuo a ricevere minacce da parte della mafia, ma io stesso ho insegnato a non avere paura. Ho deciso che non è il mio sentimento che deve prevalere, ma il mio progetto per il cambiamento". 

Crocetta , che era il candidato del Partito Democratico di centro-sinistra , ha ricevuto minacce da parte della mafia da quando è diventato Sindaco di Gela , sulla costa meridionale della Sicilia, nel 2003. Tre piani di attentati sono stati sventati dagli investigatori, un killer lituano una volta lo ha descritto in un telefono intercettare come "quel comunista finocchio" .

Crocetta incolpa la mafia per la morte di sua madre: "Mia madre mi ha chiamato un giorno per dirmi che aveva visto in tv che c'era una minaccia per me. Ha iniziato a rifiutare il cibo come rifiuto di accettare che il figlio sarebbe stato ucciso e lei.... morì poco dopo". 

Una guerra per il territorio nel 1990 tra la mafia tradizionale e di un parvenu rivale, la Stidda (Stella), ha lasciato 300 morti e innescato la campagna di Crocetta contro la criminalità organizzata. Ha incoraggiato gli imprenditori a ribellarsi contro il racket delle estorsioni della mafia. 

La guerra per il territorio ha preceduto l'uccisione nel 1992 di due magistrati che hanno condotto la lotta alla mafia : Giovanni Falcone e Paolo Borsellino .

Durante lo scorso anno, ha presentato 30 relazioni a procuratori Antimafia . Ha rafforzato i controlli in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, un grande "money spinner" per la mafia e ha nominato un magistrato per indagare le finanze della Regione Sicilia. 

Il suo predecessore come governatore è stato accusato di associazione con la mafia, e il precedente presidente regionale è in prigione dopo essere stato condannato per reati simili. 

Crocetta sospetta che vi sia la mafia dietro un incidente del mese scorso in cui, le sue due guardie del corpo hanno rischiato di morire dopo che la loro auto blindata ha colpito un blocco di cemento a sinistra su una strada scivolosa. Crocetta viaggiava in un'altra auto e dice: "Ho i miei dubbi, ma non riesco a provare nulla. Ricordo di aver pensato quanto ingiusto sarebbe stato se la mia guardia del corpo fosse morta". La sua scorta è composta di diciotto poliziotti che vegliano su di lui ventiquattrore su ventiquattro. 

Dichiarando apertamente la sua omosessualità, quando era sindaco di Gela e diventando il primo sindaco italiano a fare "coming out", Crocetta ha creato un altro ostacolo per sè stesso, anche se lui dice che ha incontrato più pregiudizi tra colleghi politici che tra gli elettori. Infatti, afferma: "E' un paradosso, ma gli elettori sono molto più aperti rispetto ai loro rappresentanti. I leader politici temono che la Sicilia sia una società maschilista, così come potrebbe essere eletto un omosessuale lì? Ma questo ci dimostra che non conoscono i siciliani". 

"I miei nemici sono i leopardi della classe politica" - ha aggiunto Crocetta, facendo un riferimento al romanzo classico siciliano Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, nel quale viene detto "Se vogliamo che tutto rimanga com'è, bisogna che tutto cambi". 

Un cambiamento che Crocetta sostiene è l'abolizione di un livello di governo provinciale che, dice, potrebbe far risparmiare € 2,5 mld. Mentre si celebra il primo anniversario della sua elezione domani, Crocetta si sta imbarcando in una riforma ancora più controversa: quella di costringere i manager in enti pubblici a pagare per la loro inefficienza, che è spesso legata alla corruzione, con l'azione disciplinare o con una multa se non riescono a rispondere ad una richiesta scritta, per esempio nel concedere il permesso di pianificazione. "La regola di oggi - dice Crocetta - è che se il cittadino non riceve risposta entro 30 giorni è come se avesse ricevuto il via libera per andare avanti. Spesso non c'è risposta perché il gestore è furbo ed ha corrotto per non fare nulla".

Nonostante i suoi sforzi, Crocetta non si fa illusioni sul futuro della criminalità organizzata e afferma: "Ci batteremo con i mafiosi di oggi, questo è sicuro, ma la mafia è come un camaleonte, cambia tutto il tempo. Ora è più attiva nella politica e negli affari più di quanto non fosse, diventando meno visibile e più internazionale". 

"Abbiamo bisogno di paesi europei, tra cui la Gran Bretagna, per far sì che l'appartenenza mafiosa diventi un reato, come lo è in Italia, in modo che possiamo ottenere latitanti all'estero. La mafia - conclude Crocetta - è una minaccia per loro, proprio come i terroristi di Al Qaeda". 




A.D.P.

1 commento:

  1. Speriamo che Crocetta riesca a fare qualcosa di quello che ha promesso,è certo che vi è una lotta sorda all'interno dei palazzi della Regione dove si decide la destinazione della spesa,i tagli e quant'altro. Ma non tutta l'opposizione alle scelte di Crocetta può essere giudicata mafia,anche se la mafia fa di tutto per eliminare questo ostacolo.

    RispondiElimina

Post Bottom Ad