FONDACHELLI FANTINA DICE NO ALLA SALMA DI PRIEBKE - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

FONDACHELLI FANTINA DICE NO ALLA SALMA DI PRIEBKE

FONDACHELLI FANTINA DICE NO ALLA SALMA DI PRIEBKE

Share This

Con un fax giunto in Campidoglio, Marco Antonino Pettinato, sindaco di Fondachelli Fantina, in provincia di Messina, aveva manifestato la sua disponibilità a tumulare la salma di Erich Priebke, l’ex capitano delle Ss morto l’11 ottobre scorso a Roma mentre scontava l’ergastolo per l’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Pettinato sembra che avesse preso questa decisione mosso sì da compassione caritatevole per un uomo che, fino all'ultimo non si è mai pentito dei suoi crimini, ma in totale autonomia tanto che il suo gesto ha provocato una polemica rovente all'interno della sua Giunta, che si è dissociata insieme al vicesindaco Carmelo Citraro che ha detto: "Questo signore, che non oso nominare, non verrà sepolto qui. Mi dispiace, ma ha già creato tanti danni da vivo e li sta continuando a creare anche da morto. Non potevamo permetterci un errore di questo genere, la gente era lì fuori dal comune in attesa di notizie." 

Quindi, anche il piccolo comune siciliano dice no alla alla sepoltura di Erich Priekbe, dopo il "no" del comune di Roma, dell'Argentina e di Hennigsdorf, la cittadina a pochi chilometri a nord di Berlino che ha dato i natali a Priebke. I continui rifiuti sia sul no del Vicariato all'esequie religiose, sia sulla tumulazione della salma hanno portato il figlio di Priebke, Jorge, che abita in Argentina, a dire: "Dove dovrebbe essere seppellito mio padre? Per me anche in Israele, così sono contenti...". Pronta la replica della comunità ebraica di Roma: "Quelle parole - ha detto il presidente Riccardo Pacifici - hanno il sapore intriso di quell'humus culturale che non smentisce ciò che ha anche affermato Priebke nel suo testamento". Fonti del ministero degli Esteri israeliano chiudono il capitolo: "Il figlio? Non merita alcun commento". 

Potrebbe essere don Floriano Abrahamowicz, prete lefebvriano legato al circolo cattolico ultratradizionalista Christus Rex, il cui portavoce è il veronese Matteo Castagna, a celebrare i funerali di Priebke. "Sabato 19 ottobre dirò un requiem in memoria del mio amico Erich Priebke" ha detto Don Abrahamowicz, noto per aver detto a proposito delle camere a gas nei lager tedeschi: "Io so che sono esistite almeno per disinfettare, ma non so dire se abbiano fatto morti oppure no". Parole che ricordano sinistramente quelle pronunciate da Priebke prima di morire. 

Intanto, la Chiesa Evangelica Luterana in Italia smentisce in "modo categorico la notizia apparsa oggi sui media sul possibile svolgimento dei funerali del criminale nazista Priebke nella chiesa luterana di via Sicilia in Roma, nè in alcun altro luogo di culto luterano in Italia". Holger Milkau, Decano della Celi (ente ecclesiastico che riunisce le comunità luterane italiane) e Jens-Martin Kruse, Pastore della Comunità di Roma spiegano di aver "appreso con stupore, sconcerto e fastidio" la notizia.



A.D.P.


Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad