ore

Breaking

Post Top Ad

domenica 20 ottobre 2013

CRONACA DELL'INCONTRO ISTITUZIONI E CITTADINI TRA POLEMICHE ATM E TIR


Come già preannunciato qui, si è svolta ieri, sabato 19 ottobre, a Messina, nella  Sala Falcone Borsellino di Palazzo Zanca, la conferenza stampa della Giunta Accorinti dove l'elemento nuovo è consistito dal fatto che il prof. Sergio Todesco lascerà l'Assessorato alla Cultura del Comune di Messina per dirigere la Biblioteca Regionale di Messina. E, forse, la prossima settimana si ufficializzerà la nuova nomina del futuro assessore designato dal Sindaco Renato Accorinti che, a quanto pare, dovrebbe essere Giusy Furnari Luvarà, candidata della lista civica Il Megafono del Presidente Rosario Crocetta venuto in visita nella città dello Stretto proprio qualche giorno fa. 

Alle 11, 30 circa, la Giunta insieme al Sindaco si è spostata nel Salone delle Bandiere per incontrare la cittadinanza messinese e per esporre quello che è stato fatto in questi cento giorni e quello che si intende fare. Ha moderato la giornalista Manuela Modica. 

Il Sindaco Accorinti ha aperto i lavori, che sono proseguiti per oltre tre ore, in una platea composta, prevalentemente, da suoi sostenitori che hanno atteso fino alla fine la chiusura del meeting. "Abbiamo deciso di ripetere questo incontro ogni 100 giorni" ha detto il sindaco che ha parlato "dell'enorme sacrificio" che ha dovuto affrontare per amministrare questa città, ovvero quello di lasciare il  lavoro che ama (prof. di Educazione Fisica) ribadendo di "lavorare 25 ore al giorno restando con uno stipendio da insegnante". 

Il clima è stato abbastanza disteso tranne che all'inizio, quando un dipendente dell'ATM, disperato per la mancata corresponsione degli stipendi, ha voluto prendere la parola anzitempo e, per tale motivo, è stato trascinato via da un body-guard. A questo punto Accorinti, che avrà avuto un déjà vu, ha chiesto che il dipendente venisse fatto rientrare per parlare dopo la Giunta. Ma poichè gli interventi degli assessori, abbastanza articolati, si sono protratti, il dipendente è andato via. 

Anche perchè, forse, si sarà sentito rassicurato dalle parole dell'ass. Gaetano Cacciola (Energia, mobilità, viabilità e trasporti - Comunicazione e innovazione - Rapporti con l’Europa e il Mediterraneo) che ha intenzione di mettere in atto una trasformazione dell'ATM (Azienda Municipale Trasporti) con: l'acquisizione di nuovi mezzi (compresi  26 bus a metano); l'attivazione del servizio scuolabus; la nomina di un direttore tecnico per le scale mobili; l'integrazione del biglietto ATM con i gestori della metromare (Usticaline e Blueferry) e una integrazione con il servizio di metroferrovia. Tra le cose già fatte vi sono: la nomina di un nuovo commissario; recupero di 40 bus; l'attivazione di un bus notturno; nuovi collegamenti bus e tram per raggiungere in orario le scuole e l'avvio delle procedure per lo sblocco dei contributi regionali. Riguardo alla Viabilità e parcheggi: sono stati avviati i lavori di messa in sicurezza della linea tranviaria; è stato predisposto un progetto per la realizzazione di piste ciclabili in tempi brevi, all’interno delle corsie preferenziali degli autobus che integra il progetto finanziato dal Ministero Ambiente; sono state risolte tutte le problematiche autorizzative relative al parcheggio Zaera Sud che riaprirà entro Novembre mentre, per il parcheggio Zaera Nord, è stato revocato il progetto di finanza; è stata promossa la campagna “IO SO….STARE alle regole” contro la sosta selvaggia ed è stata predisposta una nuova ordinanza per  impedire lo sbarco e l’imbarco dei TIR alla Rada San Francesco e al Porto. Tra le cose che verranno realizzate vi sono: la gara per la realizzazione della pista ciclabile cittadina; la regolamentazione e valutazione di un piano tecnico-economico per la gestione dei parcheggi Cavallotti e Zaera sud da parte dell’ATM. Infine, l'ass. Cacciola ha specificato che, poichè il Comune si trovava in regime di salvaguardia nei confronti dell'Enel a seguito di morosità avvenute nel 2012, la città di Messina era entrata nei comuni in sospeso (black list) e questo ha comportato un aumento del 30% sulle bollette e il rischio di sospensione dell’erogazione elettrica. Pertanto, è stato avviato un processo di negoziazione con l'Enel con un pagamento immediato ed il resto in rate pagabili dal gennaio 2014. In cambio l'Enel ridurrà del 20% l’ammontare del debito ed inserirà il comune in regime normale con tariffa Consip escludendolo, quindi, dal regime di salvaguardia. Questo porterà ad un risparmio mensile di  200-250.000 euro. Successivamente, si procederà alla redazione del PAES, per individuare le aree dove realizzare interventi di efficientamento energetico e di mobilità sostenibile collegata con produzione di energie rinnovabili. Tra le cose che si intendono realizzare vi è l'installazione di impianti fotovoltaici, inseriti nella graduatoria di finanziamento degli obiettivi realizzativi 2.1.1 e 2.1.2 del PO FESR 2007/2013, per un totale complessivo di circa 3.000.000 di euro, in otto scuole cittadine.

La parola passa all'ass. Filippo Cucinotta (Risorse del mare - Protezione civile - Sicurezza sul lavoro - Politiche giovanili - Autoparco comunale) che ha illustrato le cose che sono state fatte come l'intervento, ancora in corso, di sistemazione della struttura di protezione civile nel vecchio plesso scolastico di Catarratti con finanziamento IACP. Poi, la pulizia dei tombini, la riattivazione dell'ufficio torrenti, l'adeguamento sismico di edifici privati e pubblici e, infine, un accordo con l'Ingv per l'attivazione di un centro di ricerca su terremoti e maremoti che dovrebbe sorgere nel Parco Aldo Moro. In corso d'opera vi sono:  il rilancio del centro di Catarratti per accogliere sfollati nelle emergenze; l'installazione di sirene di allarme in 12 villaggi e pulizia e messa in sicurezza dei 72 torrenti cittadini e demolizioni di passerelle e strade di attraversamento pericolose secondo le indicazioni del Genio Civile. A seguire, l'ass. Cucinotta ha illustrato l'attivazione del progetto Piano locale giovani che coinvolgerà con borse lavoro e borse formazione 56 giovani e il progetto Giovani all'Opera, che ha permesso a 50 ragazzi di andare al teatro greco di Taormina gratuitamente e di parteciapare all'Opera con un contributo speciale di 10 €. Inoltre, è stato anche creato un calendario destinato ai giovani per un dialogo di co-formazione nel campo delle start up e, tra le cose in programma per i giovani vi è il Progetto Youth in Action con Unponteper. Riguardo alle Risorse del mare, tra le cose fatte troviamo: la richiesta di inserimento come patrimonio Unesco dello Stretto di Messina e la richiesta alla Regione Sicilia per l'attivazione del Punto Franco. In futuro vi è in programma di intervenire per pianificare il contrasto all'erosione delle spiagge a valere sulla programmazione 2014-2020 e di Riqualificare pezzi pregiati di accesso al mare come Maregrosso, contestualmente alla realizzazione della nuova via Don Blasco. 

Nel suo intervento l'ass. Sergio De Cola (Urbanistica, Lavori Pubblici, Risanamento, Interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria su immobili comunali adibiti a servizi, Rete viaria e sottoservizi) ha evidenziato i lavori di appalto previsti per l'adeguamento degli impianti per ottenere l’agibilità del Teatro Vittorio Emanuele e per sistemare la frana sulla strada comunale ad Acqualadroni. Entro fine anno si dovrebbero avviare la gara per l'affidamento della progettazione del depuratore di Tono e definire le problematiche relative allo svincolo di Giostra. In programma vi è: il trasferimento della sede del Dipartimento Urbanistica nei locali del Dante Alighieri, con un risparmio di 320.000 €/anno per l’affitto; la demolizione di immobili abusivi; la realizzazione di impianti sportivi nella zona di San Filippo. Per quanto riguarda il Risanamento si procederà alla definizione della graduatoria per l’assegnazione delle case e verrà avviato un processo di ricognizione con IACP del patrimonio abitativo in fase di costruzione  o esistente.

L'ass. Daniele Ialacqua (Ambiente, Cimiteri, Verde, Giardini, Autogestione dei beni comuni, Acqua, Nuovi stili di vita, Benessere degli animali, Rifiuti, Arredo Urbano), che oltre a svolgere bene il suo lavoro ha mostrato una notevole vis ironica alleggerendo un pò il clima, ha ricordato che il 22 agosto, ovvero a 50 giorni dall'attribuzione delle deleghe assessoriali, l'assessorato ha organizzato una conferenza stampa per comunicare lo stato dell'arte ovvero la situazione in cui lo stesso è stato trovato. L'assessorato si è dunque attivato basando i suoi interventi su due “pilastri” fondamentali: la programmazione e la partecipazione. In tal senso sono state illustrate le iniziative simbolo che hanno caratterizzato questi 100 giorni e che sono: la campagna di volontariato per la pulizia delle spiagge; l'istituzione di una Consulta per l'Ambiente; la campagna d'informazione raccolta differenziata di Messinambiente e Strategia Rifiuti Zero; la progettazione di “Cantieri di servizio”; gli incontri con associazioni ambientaliste e animaliste e l'avvio di percorso per la costituzione di una Consulta Animalista; la ricerca di un terreno utile per l'istituzione di un “cimitero degli animali” e individuazione locali per far fronte a necessità di cani e gatti; il progetto “Verde bene comune” per l'adozione di spazi verdi e da arredare e la costituzione di un “Laboratorio Beni Comuni”; l'installazione cestini per raccolta differenziata e docce AMAM in alcune spiagge cittadine; il passaggio dal sistema ATO alla nuova società di gestione rifiuti SRR; l'iter di “costruzione” della delibera sulla Tares; alcuni interventi di  scerbatura, potatura e di abbattimento alberi e la cura palme contro il punteruolo rosso. Infine, l'attuazione legge “Un albero per ogni nato” che rientra nell'ambito dell'organizzazione della “Festa degli Alberi” del 21 novembre prossimo e che prevede due settimane di eventi (dal 10 al 24 novembre) con passeggiate ecologiche, visite guidate, presentazione di libri e campagne di sensibilizzazione. Le adesioni e la comunicazione di iniziative da inserire nel programma possono essere inoltrate tramite fax al n.090/673362 o per e-mail a daniele.ialacqua@comune.messina.it, entro e non oltre il 25 ottobre 2013. 

Con l'ass. Antonino Mantineo (Politiche Sociali, Salute, Decentramento e Città Metropolitana, Politiche del Personale, Avvocatura e Contenzioso, Rapporti con il Consiglio comunale) si parla di Sanità: TSO, RMN, P.U.A. (attivazione legge n.328) e mediazione nella vertenza dei lavoratori della coop. Theseos per la loro stabilizzazione in SSR. Ma anche di Servizi Sociali con l'avvio della Gara per l'adeguamento della struttura di Casa Serena e la Gara per la realizzazione di un asilo nido aziendale a Palazzo Zanca. 

"Al mio insediamento uno dei primi problemi da affrontare è stato il trasferimento del mercato bisettimanale da Via 37/A  alla Piazza ristrutturata di Villaggio Aldisio" dice l'ass. Patrizia Panarello (Pubblica istruzione - Legalità e Pari opportunità, Agricoltura, Artigianato, Commercio, SUAP, Attività promozionale prodotti tipici secondo i principi di sostenibilità, Programmazione fiere, mercati, GAS (gruppi acquisto solidale) – DES (distretti di economia solidale) - RES (reti di economia solidale) che aggiunge: "Gli organi di stampa hanno attribuito interamente a me il merito del successo del trasferimento del mercato ma a rigor del vero va detto che esso è avvenuto anche grazie al lavoro e al buon senso di persone come il Dottor Mastroianni e il Dottor Pistone che sono stati presenti e hanno reso possibile la soluzione di problemi apparentemente insormontabili. Per quanto riguarda il mercato sito a Zaera Nord, sembra che abbiamo finalmente ottenuto la rescissione del contratto con la Fondachello Immobiliare srl a firma dell’ingegnere Pizzino e questo ci consente di procedere con un progetto di ristrutturazione dell’area che consentirà di dare decoro al mercato che lì insiste. Gli operatori, con cui nel frattempo si è instaurato un buon rapporto, hanno dichiarato con ilarità che mi faranno “papessa” se riesco a sistemare il mercato Zaera, è da decenni infatti che aspettano questo". "Per gli ambulanti cosiddetti “festaioli”, ovvero per coloro che lavorano principalmente in coincidenza delle feste, ho speso parecchio tempo impiegando grande energia per risolvere problemi relativi al rilascio delle autorizzazioni necessarie allo svolgimento della loro attività. - continua la Panarello - A differenza di altri anni in cui tali operatori potevano lavorare più o meno serenamente, quest’anno è stata avviata dagli uffici competenti una procedura di controllo che, unita al regolamento Cosap in atto vigente, di fatto impedisce loro di lavorare durante le feste e soprattutto nei luoghi in cui si celebrano tali feste. Ho provato a dire ai dirigenti e ai funzionari in più di un’occasione che la gestione della “res pubblica” deve essere illuminata, che le leggi devono servire il cittadino e non viceversa e che bisogna garantire a tutti il diritto al lavoro, essendo tale diritto inalienabile. Negare le autorizzazioni significa entrare in un circolo vizioso in cui gli operatori che hanno bisogno di lavorare possono scegliere se diventare abusivi, venire multati e rischiare il sequestro della merce oppure rivolgersi all’amico o al politico di turno per provare ad ottenere un “favore” aggirando la legge. Questo è uno dei meccanismi che alimenta la cattiva politica e che non fa bene alla collettività né alle casse comunali che possono riempirsi solo attraverso una regolarizzazione degli “abusivi” e al pagamento costante delle somme corrispondenti. Questa che porto avanti da 100 giorni non è solo una battaglia per difendere gli indifendibili, persone che lavorano saltuariamente per mantenere la loro famiglia, ma anche perché credo sia urgente trovare soluzioni pratiche per risolvere i problemi che attanagliano la nostra città in maniera decisa, sempre nel rispetto delle norme, mai perdendo di vista i destinatari dei nostri provvedimenti – i cittadini – e il principio più alto che deve informare le nostre azioni – il bene comune". Per quanto riguarda la mensa scolastica ha rassicurato che riprenderà il prossimo mese, ovvero a novembre.

L'ass. uscente Sergio Todesco (Politiche di Integrazione, Cultura e Identità, Spettacoli, Valorizzazione Patrimonio storico, artistico, culturale, Toponomastica) ha detto di aver avviato con la città greca di Messene - patria originaria di Anassila, considerato uno dei fondatori di Messina, da cui la stessa prese il nome - una proficua manifestazione di intenti mirante a un rapporto di gemellaggio, premessa per futuri percorsi comuni, tanto culturali quanto socio-economici. Poi, la prosecuzione dei progetti relativi alle “Scalinate dell’Arte” e alla creazione – all’interno del PalaCultura – di un articolato spazio multimediale legato all’arte e all’architettura moderna e contemporanea di Messina; la proposta di ampliamento dell’Antiquarium avanzata dalla Soprintendenza di Messina attraverso l’accoglimento entro nuovi spazi già individuati dell’importante Rostro Romano rinvenuto nel mare di Acqualadroni; il progetto di un’unica Galleria di Arte Moderna e Contemporanea (da attuare allorquando sarà possibile unificare le collezioni presenti negli spazi espositivi di Provincia, Comune e Teatro Vittorio Emanuele e il progetto di un “Museo del Cinema a Messina”. L’Assessorato ha poi aderito alla proposta avanzata dalla Fondazione Metropoli (prestigioso organismo scientifico con sede a San Pietroburgo, uno dei cui sponsor è Gazprom) di entrare a far parte del progetto ACEB (Associazione Città Eredi di Bisanzio) mirante alla costituzione di una rete di municipalità in passato rientranti nell’orbita dell’impero bizantino e interessate da insediamenti significativi di tale civiltà. In tale prospettiva, è stata avanzata la proposta che l’Abbazia di San Filippo il Grande, di proprietà comunale, possa essere in futuro destinata a sede di un Centro Internazionale di Studi Bizantini. La valorizzazione del patrimonio librario e archivistico è stata fin qui legata ad alcune iniziative adottate nei pochi mesi qui rendicontati: l’approvazione del Regolamento della Biblioteca Comunale e l’acquisizione di un importantissimo fondo librario-archivistico di pregnante interesse storico-documentario, il “Fondo Capria”. Per quanto riguarda la Festa della Vara di Messina ha voluto precisare che l’organizzazione dell’evento ha avuto tra i suoi elementi maggiormente significativi: a- la creazione di due distinti organismi di supporto per lo svolgimento della festa, ossia una commissione storico-scientifica (con componente religiosa designata dalla Curia Arcivescovile) e un comitato tecnico-operativo; b- un rapporto interlocutorio con realtà istituzionali (Prefettura, Questura) e parti di società civile (Comitato Addiopizzo) volti a riaffermare i valori della legalità e della comune appartenenza sottesi ad un evento di forte impatto partecipativo ed emozionale come questo; c- la predisposizione di meccanismi di trasparenza nella raccolta dei fondi e rendicontazione delle spese, nonché di sobrietà nell’assunzione degli impegni; d- l’impegno a creare per le successive edizioni della festa un apposito Ufficio Vara volto a promuovere e adottare lungo l’intero arco dell’anno tutte le iniziative necessarie al miglioramento della festa e alla sua progressiva provincializzazione. In tale prospettiva, sono stati adottati i seguenti provvedimenti: e- richiesta avanzata all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato concernente l’attivazione di una Lotteria Nazionale collegata all’evento Vara; f- richiesta avanzata all’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana – e da questo ora riscontrata positivamente – di un contributo straordinario di € 80.000,00 per l’edizione Vara 2014; g- avvio di steps preliminari volti alla istituzione di un Museo Comunale delle Machine Festive (Progetto Preliminare già elaborato dall’Arch. Antonino Principato), per la cui sede è stata preliminarmente, ancorché ancora informalmente, concordata con la Nobile Arciconfraternita degli Azzurri la messa a disposizione, previa stipula di apposito accordo di partenariato, dell’area retrostante il Monte di Pietà, un tempo occupata dalla Chiesa di Nostra Donna della Pietà; h- accordi di collaborazione concordati con la Direzione del Liceo Artistico “Basile” e con la Presidenza dell’Ente Teatro V.E. concernenti la collaborazione tecnica per interventi connessi a operazioni di restyling degli apparati festivi.

Infine, interviene il Vicesindaco Guido Signorino (Assessore al Bilancio, Sviluppo Economico e Turistico, Patrimonio, Rapporti con società partecipate) che, sopraffatto dalla commozione, dice: "Siamo impegnati in molte vertenze per evitare l’emorragia e la perdita di posti di lavoro, a cominciare dai lavoratori collegati al Comune. Abbiamo avviato un percorso per dare attuazione alla delibera del Consiglio Comunale relativa a Feluca SpA; stiamo lavorando con l’importante contributo del sindacato per il supporto ai lavoratori delle manutenzioni stradali. Siamo impegnati con la Regione per favorire l’autogestione di uno stabilimento di nuova costruzione per i lavoratori della Birra Triscele, con l’assegnazione di due capannoni in zona ASI in comodato d’uso gratuito.  in occasione dei finanziamenti “Smart & Start” abbiamo condiviso un protocollo di intesa con enti istituzionali (Università, Camera di Commercio) ed avviato rapporti con Sviluppo Italia Sicilia per sostenere giovani che avessero idee innovative di impresa. Abbiamo aperto uno sportello denominato: “Centro Servizi per l’Imprenditorialità” per accogliere giovani che vogliono avviare nuove imprese". Infine, parla del progetto Messina Città Metropolitana: "Si tratta di una prospettiva straordinariamente importante. La città metropolitana avrà notevoli margini di autonomia e autogoverno: dall’approvazione del PRG all’edilizia popolare, dalla gestione delle ASI alla gestione diretta dei Fondi Europei. Nel periodo di costituzione di queste nuove istituzioni, Messina si farà parte attiva per realizzare una aggregazione di Comuni ampia e rappresentativa, fondata sulle preesistenti coalizioni territoriali nate per l’uso dei fondi comunitari, che ospiti al suo interno funzioni produttive, amministrative e servizi. Una città moderna, innovativa e capace di attrarre risorse". In tema di recupero di risorse culturali, è stata richiesta al Presidente Crocetta la definitiva concessione al Comune di Messina di immobili storici quali la Real Cittadella, il Forte Gonzaga, il Forte “Castellaccio”, la Chiesa di Santa Maria della Valle (meglio conosciuta come “Badiazza”), ai fini di una loro successiva valorizzazione e stabile pubblica fruizione.

Quindi, arriva il momento tanto atteso delle domande, da parte dei cittadini, al Sindaco e alla sua Giunta. La prima domanda verte sulla questione Via Nicaragua, per la quale si sono scomodate anche Le Iene di Italia 1. La seconda sulla reale necessità di un city manager in un comune al collasso economico. Ha risposto il diretto interessato, Antonio Le Donne che, nel frattempo, si era palesato in Sala e che ha esposto i motivi per i quali è necessaria se non fondamentale la sua figura. Poi, la questione dei Tir, alla quale risponde Accorinti dicendo che non basta dire "No ai Tir" il solo No non basta e che anche lui quando diceva No a qualcosa portava delle proposte alternative. A questo punto interveniamo noi dalla platea ricordando al sindaco che nel novembre 2012 lui stesso era fuori dal Comune insieme a Saro Visicaro e al Comitato La Nostra Città, per consegnare le firme raccolte contro il passaggio dei Tir nel centro cittadino di Messina al commissario Croce e che è stato consegnato ad un vigile, attraverso il cancello chiuso di Palazzo Zanca, un plico contenente le firme e la proposta sulla possibile soluzione al problema. Plico che sarà sicuramente sepolto in fondo ad un cassetto con regolari firme di cittadini che, evidentemente, non contano nulla. Il sindaco dice allora "ben vengano le nuove proposte" ma, ci chiediamo noi, a che serve farle se poi non vengono nemmeno prese in considerazione come quella, per l'appunto, del Comitato La Nostra Città? Accorinti, visibilmente irritato, dice "Noi non abbiamo padroni". E questo la dice lunga sul rapporto istituzione-cittadino se poi, ad una lecita domanda, si possa illazionare che questa sia tendenziosa. Come dicevano i latini: "Excusatio non petita, accusatio manifesta". Noi abbiamo subito precisato di non averlo nemmeno pensato ma, essendo in platea e senza microfono, dal video si sente solo la voce di Accorinti e gli applausi dei suoi fan.


A parte l'ultima domanda sulla Tares e sulla raccolta differenziata nessun altro intervento di rilevo vi è stato da parte della cittadinanza. Eppure sono tante le questioni in sospeso nella città di Messina, come quella dell'orchestra del Teatro Vittorio Emanuele che avrebbe voluto suonare all'entrata del Comune durante l'arrivo del Presidente Crocetta.

"Quello che noi volevamo esprimere, - dicono gli orchestrali - utilizzando le note del brano scritto dal Maestro Salisburghese dai tristi toni minori, voleva essere solo un'eco pacifica attraverso i nostri strumenti e senza alcuno striscione, esclusivamente, il disagio non solo di noi orchestrali, ma l'urlo di un messaggio chiaro di una intera città, che da troppo tempo soffre, e che continua a vedersi tolto, giorno per giorno, tutto quel poco che di buono resta. La nostra, voleva essere solo una delle tante esibizioni artistiche e pacifiche, a rappresentanza di un problema sociale che investe e travolge quasi tutti i cittadini. Peccato che il nostro Primo cittadino, che se oggi siede al Comune lo deve proprio al suo passato di uomo attivista che ha lottato in maniera pacifica adesso, impedendoci di difendere pacificamente i nostri diritti, abbia dimostrato di avere del tutto dimenticato i suoi trascorsi, la strenua difesa civile delle proprie istanze e di come abbia condotto le sue battaglie, sino ad arrivare alla poltrona che occupa, rinnegando il motivo per cui lo abbiamo votato e voluto Sindaco".

Parole amare, dettate anche dalla delusione, la stessa che proviamo noi nel vedere che, ancora una volta, "Tutto cambia affinché nulla cambi". L'appuntamento è tra altri cento giorni, speriamo, nel frattempo, di poter tornare a credere ancora nel Cambiamento.


Antonella Di Pietro


Guarda il video qui http://www.ustream.tv/recorded/39977563

Nessun commento:

Posta un commento