BLUE JASMINE: L'ULTIMO FILM DI WOODY ALLEN - MAGAZINE PAUSA CAFFE'

MAGAZINE PAUSA CAFFE'

Blog di Informazione e Cultura

BLUE JASMINE: L'ULTIMO FILM DI WOODY ALLEN

BLUE JASMINE: L'ULTIMO FILM DI WOODY ALLEN

Share This

Uscirà nei cinema italiani il prossimo 5 dicembre il film "Blue Jasmine del geniale Woody Allen che segna il suo ritorno ad un cinema più intenso. 
La storia è quella di Jasmine (Cate Blanchett), una newyorchese elegante, mondana e facoltosa che rimane improvvisamente al verde dopo il fallimento del suo matrimonio con un ricco uomo d'affari Hal (Alec Baldwin). Un fallimento che coinvolge tutta la sua vita e che la constringe a trasferirsi da New York a San Francisco nel modesto appartamento della sorella Ginger (Sally Hawkins). Una scelta obbligata che ridimensiona il suo stile di vita. Jasmine arriva nella città californiana in uno stato psicologico molto fragile, la sua mente è annebbiata dall’effetto dei cocktail di farmaci antidepressivi. Sebbene sia ancora in grado di mantenere il suo portamento prettamente aristocratico, in verità lo stato emotivo di Jasmine è precario e totalmente instabile, tanto da non poter neanche essere in grado di badare a sé stessa. Mal sopporta Chili (Bobby Cannavale), il fidanzato di Ginger che considera un "perdente", né il suo ex marito Augie (Andrew Dice Clay). Ginger, seppur riconoscendo, ma non comprendendo appieno l’instabilità psicologica della sorella, le suggerisce di intraprendere la carriera di arredatrice d’interni, un impiego che intuitivamente potrebbe essere alla sua altezza. Nel frattempo, Jasmine accetta malvolentieri un lavoro come receptionist in uno studio dentistico, dove attira le attenzioni indesiderate del suo capo, il dottor Flicker (Michael Stuhlbarg). Reputando giusta la considerazione fatta da sua sorella riguardo la scelta di uomini sbagliati nella sua vita, Ginger inizia a frequentare Al (Louis CK), un tecnico del suono che lei considera un gradino superiore a Chili. Jasmine invece intravede come una potenziale ancora di salvezza l'incontro con Dwight (Peter Sarsgaard), un diplomatico infatuato dalla sua bellezza, dalla sua raffinatezza e dal suo stile. Il difetto di Jasmine è che vive costantemente del giudizio degli altri per aumentare la sua autostima, rimanendo però cieca di fronte a ciò che accade intorno a lei. 

La Jasmine di Allen ricorda l'instabile Blanche DuBois di "Un tram chiamato desiderio di Tennessee Williams". Del resto, il grande regista ha sempre attinto da mostri sacri quali Ingmar Bergman che ha sempre riconosciuto come suo maestro. 

Il film è prodotto dalla Perdido Productions e distribuito dalla Warner Bros.

Nessun commento:

Posta un commento

Post Bottom Ad